Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
Shop
 

Date di scadenza: le sappiamo distinguere veramente?

Una parte dello spreco alimentare è determinata dalle date di scadenza. 

Molti consumatori non conoscono la differenza tra i termini "Da consumare entro" e "Da consumare preferibilmente entro”. 

Facciamo subito un po' di chiarezza: 
come ricorda l'Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (Usav), l'indicazione "Da consumare entro" è riservata agli «alimenti particolarmente sensibili, che presentano il rischio di moltiplicazione di germi patogeni o di formazione di sostanze nocive» (carne fresca, prodotti salmistrati pastorizzati nella confezione, formaggi molli e freschi, panini, pizze fresche, piatti pronti freschi e pastorizzati, prodotti di pasticceria e insalate e germogli preconfezionati).
 "Da consumare entro" è quindi l'unica vera e propria data di scadenza.

La dicitura "Da consumare preferibilmente entro" indica il cosiddetto Termine minimo di conservazione (TMC): interessa la maggior parte degli alimenti e indica il momento fino al quale un alimento conserva le sue proprietà specifiche in adeguate condizioni di conservazione.
Il consumo è privo di rischi anche dopo un certo periodo di tempo da quella data, a condizione che il prodotto sia inodore e non presenti anomalie dal punto di vista estetico e gustativo. 
Quanto in là possiamo spingerci rispetto a quanto indicato in etichetta? Dipende dai casi ma, in linea di massima, più lungo è il termine minimo di conservazione previsto per un determinato alimento e maggiore sarà il margine di tolleranza. Per intenderci: il tonno in scatola, che dura anni, se assunto tre mesi dopo la data indicata non avrà differenze significative.
Bisogna prestare più attenzione per quei prodotti dove il termine è più breve (ad es. uova e yogurt). Questo vuol dire che potremmo mangiarle anche qualche giorno dopo il TMC, ma senza esagerare con le tempistiche.

 
La regola valida da tener sempre presente è: «Osservare, annusare, assaggiare, gustare».
Piccoli accorgimenti nelle nostre abitudini possono diminuire la quantità di cibo che sprechiamo ogni giorno.
Ad esempio, quando sistemiamo spesa, ricordiamoci di riporre sempre gli alimenti appena acquistati dietro o sotto quelli già presenti nel frigorifero o in dispensa la cui scadenza potrebbe essere anteriore. In questo modo avremo a portata di mano gli alimenti che scadono prima.
 
 
 
02.10.2020
La Cooperativa di Cortina
 
 
 
Contatto LA COOPERATIVA DI CORTINA - soc. coop. Corso Italia, 4032043 Cortina d´AmpezzoBL (I) Tel. +39 0436 86 12 45Fax +39 0436 86 13 00 E-Mail: PEC: 
La Cooperativa di Cortina
Orari d'apertura
 
Feriale: 8:30 - 12:30 & 15:00 - 19:30
Domenica e Festivi: Chiuso
  
    
    
 
 
Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
 
Socials

News per gli amanti della Cooperativa di Cortina. Metti mi piace alla pagina facebook.

 
 
produced by Zeppelin Group – Internet Marketing
 
RIMANIAMO IN CONTATTO
Iscriviti alla nostra NEWSLETTER