Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
Shop
 

Il Carciofo: un'eccellenza tutta italiana

Ricordando l'importanza di nutrirsi il più possibile con prodotti di stagione, presentiamo un ortaggio di cui l'Italia è il primo paese produttore al mondo: il carciofo.
Il carciofo (Cynara scolymus L.) appartiene come il cardo alla famiglia delle Asteraceae ed è una pianta tipica delle zone mediterranee, predilige il clima temperato, resiste abbastanza al freddo, ma non al gelo; la stagione ideale per consumarlo, nella quale le caratteristiche nutritive sono al top è proprio l'inverno.

A livello regionale, la Sicilia è la regione in cui si producono più carciofi, seguita dalla Puglia, dalla Sardegna, dalla Campania e dal Lazio.
Esistono al mondo più di 90 varietà di carciofo. In Italia 4 sono le varietà ad avere ricevuto un riconoscimento europeo: una delle quali è Dop (Denominazione di Origine Protetta), il Carciofo spinoso di Sardegna, e tre IGP (Indicazione Geografica Protetta): il Carciofo romanesco del Lazio, il Carciofo brindisino, il Carciofo di Paestum.

Nell'antichità, largo uso alimentare ne hanno fatto gli antichi Egizi. La coltivazione del carciofo da noi conosciuto venne introdotta in Europa dagli Arabi che lo chiamavano "karshuf" (o kharshaf), da cui l'attuale termine.
 
Perchè il carciofo è così presente sulle nostre tavole?

Per la salute, le più importanti qualità del carciofo riguardano proprio l'azione depurativa a livello epatico.  Il carciofo possiede una sostanza chiamata cinarina, che gli dona il suo caratteristico sapore amaro e ha molte proprietà benefiche e terapeutiche. In grado di agevolare la diuresi e la secrezione biliare, viene infatti considerato il "protettore" del fegato e i principi attivi sono contenuti nelle foglie. 
Nel carciofo viene riscontrata la presenza di inulina, una sostanza che è in grado di abbassare i livelli di colesterolo cattivo nel sangue.
Il carciofo possiede una notevole quantità di potassio, ferro e altri sali minerali.
Si mangia con le mani e con lentezza: c’è un che di rituale nel denudare il carciofo privandolo delle foglie a una a una per intingerle in una salsa di olio, limone, sale e pepe, e condividerle poi...
(Isabel Allende)

Tutta la bontà, racchiusa in un bocciolo! 
Quello che viene consumato del carciofo infatti è il bocciolo di questa pianta erbacea perenne che può superare il metro d'altezza e se non raccolta produce vivaci fioriture.
Una delle maniere più diffuse di mangiarlo è quella al pinzimonio. 
Per conservarne le proprietà nutritive è bene anche consumare il carciofo a crudo, selezionando la parte più tenera del capolino dopo averla ripulita dalle barbe interne. La preparazione più semplice è un raffinato carpaccio da insaporire con olio e limone.
 
 
 
01.02.2020
La Cooperativa di Cortina
 
 
 
Contatto LA COOPERATIVA DI CORTINA - soc. coop. Corso Italia, 4032043 Cortina d´AmpezzoBL (I) Tel. +39 0436 86 12 45Fax +39 0436 86 13 00 E-Mail: PEC: 
La Cooperativa di Cortina
Orari d'apertura
 
Feriale: 8:30 - 12:30 & 15:00 - 19:30
Domenica e Festivi: Chiuso
  
    
    
 
 
Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
 
Socials

News per gli amanti della Cooperativa di Cortina. Metti mi piace alla pagina facebook.

 
 
produced by Zeppelin Group – Internet Marketing
 
RIMANIAMO IN CONTATTO
Iscriviti alla nostra NEWSLETTER